Cover image

The Family One

di Il Calcio Inglese di Il Calcio Inglese — 1 anno fa in Il Calcio Inglese

Prima la famiglia, poi tutto il resto. Anche se sei un giocatore di Premier League. Anche se i soldi non ti mancano e puoi crescere i tuoi figli nell’agio più totale, regalandogli privilegi che la maggior parte dei suoi coetanei non possono permettersi. Per fare tutto questo però, ci vuole tempo.

Ci vuole tempo per adattarsi ai ritmi e alle dinamiche di una nuova città, soprattutto se sei un calciatore e sei solito cambiare casacca con cadenza regolare, magari ogni tre o quattro anni. Ci vuole tempo crescere i propri figli e godersi la famiglia. Per qualsiasi cosa si voglia fare, ci vuole tempo, indipendentemente dal fatto che si tratti di lavoro o di divertimento.

E al Chelsea, questo, lo sanno. O meglio, Maurizio Sarri, in ordine di tempo l’ultimo arrivato, lo sa bene. Lui che fino a qualche anno fa non ci pensava nemmeno a diventare un manager professionista, che si godeva il proprio lavoro in banca e poteva contare solamente su due giorni a settimana di riposo.

A confermare, per l’ennesima volta, tutte queste nostre certezze, ci ha pensato proprio Maurizio Sarri, che la scorsa settimana ha colto di sorpresa i propri giocatori annunciando loro una notizia tanto inaspettata quanto inedita.

Dalla prossima settimana, ci alleneremo al pomeriggio. Dedicate le mattine a voi e le vostre famiglie. Portate a scuola i vostri figli e rilassatevi quanto meglio potete. 

Immaginate la faccia dei giocatori, abituati ai duri carichi di lavoro quando su quella stessa panchina sedevano José Mourinho o Antonio Conte. Non stiamo dicendo che Sarri non faccia lavorare abbastanza i suoi giocatori, ma il suo lato “umano” è sembrata una vera e propria manna dal cielo in un ambiente troppo spesso martoriato da inutili polemiche e gossip destabilizzanti.

Finalmente, oseremo dire, da Stamford Bridge arrivano buone notizie. Sarri, oltre ad aver già plasmato il gioco della squadra a proprio piacimento, si è guadagnato la stima dell’intero spogliatoio con un gesto semplicissimo, ma di grande valore morale. Se da una parte è vero che i campionati e le competizione in generale non si vincono con le mattinate libere, dall’altra è altrettanto vero che un clima disteso e una buone coesione aiutano il gruppo ad unirsi e crescere insieme.