Cover image

Quanto è forte Wilfred Zaha?

di Il Calcio Inglese2 anni fa in Calcio

Fino al minuto 89 della sfida contro il Watford il Crystal Palace stazionava lì, all’ultimo posto della classifica della Premier League, dove del resto ci siamo abituati a vederlo sin dall’inizio di questa stagione. Qualcosa, però, ieri sera è scattato. Qualcosa che saremmo portato a definire “insolito” ma che se guardiamo le statistiche riguardanti gli ultimi risultati delle Eagles, non sembra poi così inedito.

Imbattuto nelle ultime 6 giornate di campionato, con due vittorie (ottenute entrambe a Selhurst Park) e ben 4 pareggi. Le vittorie sarebbero potute essere addirittura tre, se non fosse per Benteke che al 96’ della sfida casalinga contro il Bournemouth ha ben pensato di sbagliare un rigore. Tant’è, dopo un iniziale periodo di rodaggio, i ragazzi di Roy Hodgson sembrano aver finalmente trovato stabilità, riuscendo a dare continuità ai risultati.

Tra i maggiori fautori di questa incredibile rinascita c’è sicuramente Wilfred Zaha. L’attaccante inglese, nonostante non rientri spesso nel gabellino dei marcatori, si dimostra spesso indispensabile per il suo instancabile lavoro su e giù per la sua fascia di competenza. Forza, esplosività, dribbling, velocità, precisione: Zaha rappresenta un elemento imprescindibile nell’undici titolare del Crystal Palace.

E anche ieri sera, quando tutto sembrava ormai perso, ha ridato ai suoi compagni una speranza. Dopo il pareggio ottenuto a un minuto dal novantesimo, la partita sembrava incanalarsi sul definitivo risultato di 1-1. Con una freschezza insolita e una lucidità da grande campione, Zaha ha però sfoderato uno dei suoi colpi da maestro, annichilendo un paio di avversari con le sue finte, dribblandoli e crossando il pallone con il quale McArthur ha poi deciso la sfida. Vedere per credere.

Per la prima volta dall’inizio di questa stagione, il Crystal Palace è uscito dalla zona retrocessione. Per cantare vittoria è ancora ovviamente troppo presto, ma con un Zaha in queste condizioni, anche per una squadra condannata alla retrocessione, tutto sembra possibile.