Cover image

La nuova vita da Youtuber di Andy van der Meyde

di Chiamarsi Bomber1 anno fa in Calcio

Ho comprato una Ferrari e la prima fermata era al Newz Bar, un posto molto popolare a Liverpool. Dopo qualche ora di alcol mi dirigevo allo strip club più vicino. Ubriacarsi nel centro di Liverpool non era una mossa molto intelligente, ma avevo un forte desiderio di vedere delle donne nude“. Sua maestà Andy van der Meyde. L’ultima esperienza all’Everton lo ha quasi ucciso, Liverpool era una droga nella droga per lui, ma come una fenice, Andy ha saputo rinascere dalle proprie ceneri.

Due anni fa ha aperto un canale YouTube e con sacrifico e grande dedizione, ha raggiunto buoni risultati come Youtuber. Il suo canale ha più di 50mila iscritti e propone contenuti di ottimo livello. Il format più popolare è sicuramente l’intervista in macchina con i suoi ex colleghi. Compagni di squadra, giovani talenti olandesi e non solo. Un anchorman in perfetto stile british, che poco c’entra con il suo passato: “A causa dei continui litigi con Lisa, della malattia di mia figlia e delle cavolate che combinavo nei club cominciai ad avere problemi a dormire. Riuscivo a dormire solo grazie a delle pillole, che per due anni rubavo dagli uffici dei dottori presenti nei club, così da mixarle con del Bacardi e bottiglie di vino per riuscire a riposare. Realizzai che Liverpool mi stava uccidendo, la cocaina e le ragazze britanniche con le loro gonne corte erano tentazioni troppo forti per un ragazzo come me“.

Un passo alla volta, prima con risultati quasi umilianti per un ex giocatore come lui, fino a raggiungere anche 50mila views per video. Resta il rammarico per non averlo visto esprimere tutto il suo immenso talento, ma Andy van der Meyde ha saputo rialzarsi, mettendosi in gioco senza paura di sbagliare di nuovo. Giù il cappello e tutti a iscriversi al suo canale.